Sheila Stone

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5,00 di 5)

La pornostar Sheila Stone
L’ex pornostar Sheila Stone
Siciliana doc, l’ex pornostar italiana Nadia Martini, in arte Sheila Stone, nasce a Catania nel 1970. Si trasferisce da giovanissima al nord dove si esibisce in alcuni locali di striptease e porta a casa uno stipendio facendo gavetta con spot pubblicitari notturni di spogliarello e telefoni erotici hot line. Durante uno dei suoi spettacoli in un locale del nord, viene notata dal talent scout Oliver Buzz e di li il passo alla pornografia è breve. Una delle sue prime pellicole risale al 1992, “Donna di cuori”, diretto da Silvio Bandinelli.

È conosciuta anche con gli pseudonimi Sheila Garrett e Sheila Deroma. Il nome d’arte definitivo le viene donato sempre dal regista Silvio Bandinelli. Ha al suo carico circa 200 film pornografici, girati nel periodo fra il 1992 e il 2006. Ha lavorato con i principali registi del settore come il compianto Joe D’Amato, Lawrence Webber, Max Bellocchio e Andy Casanova. Innumerevoli sono le sue collaborazioni con attori pornografici di fama italiani e mondiali.

Per un lungo periodo è stata ospite fissa della trasmissione televisiva a sfondo erotico “Sexy Bar” condotta da Corrado Fumagalli. Partecipa anche diverse volte alla fiera erotica milanese MiSex. Nel 2006, nella stessa fiera, riceve un award per il Riconoscimento alla Carriera.

Curiosa è la storia secondo cui Sheila Stone, nel 2007, affige circa 5000 volantini a Piacenza e dintorni, denunciando gli inganni subiti dall’ex partner.

Fra le sue particolarità ricordiamo che guidava una moto Ducati Monster e possiede una collezione di Troll, folletti e fate. Nel 2010 viene pubblicato “Le sexy storie di Sheila Stone”, fumetto erotico redatto dall’autrice cagliaritana Vera Narciso, dove vengono narrate le vicende personali e professionali dell’attrice hard. Spiccato è l’amore per gli stati uniti, dove si trasferisce definitivamente nel 2013, coronando un sogno che aveva da tempo. Nel 2006 circa, Sheila Stone abbandona la carriera e si dedica all’attività di spogliarellista, esibendosi in diversi locali degli stati uniti d’america.